domenica 17 maggio 2015

L'arte di danzare sotto la pioggia di Delia Solazzo



Quante volte ho sentito dire: “Non è importante quante volte si cade, l’importante è quante volte ci si rialza”. 
Anche voi lo avete sentito? Vero? 
E’ una frase che spesso mi ha indispettito… sei lì, a terra. con il mondo che sembra cascarti addosso e in quel momento non ci credi. 


Recentemente ho fatto una scoperta: io sono una persona che cade…
Io cado, continuamente…
Ma non è questa la scoperta…
Tutti cadiamo… 
Io, però, ho capito cosa significa rialzarsi. 
Non è qualcosa di straordinario, non immaginiamoci cose eclatanti… 
E' un rialzarsi semplice e silenzioso… 
Ti scrolli di dosso la polvere e ricominci a camminare, semplicemente. 


Cerchi di fare tesoro delle esperienze che hai vissuto… 
Ti guardi intorno e ti accorgi che il mondo non è la terra sporca che c’era ad un centimetro dal tuo naso, ma c’è il sole, la pioggia, l’aria… e molto di più… 


Allora ho capito!  
Sono anche io una persona che si rialza… 
A volte le sfide della vita sono difficili e non sempre ci è dato di capire in pieno la lezione che ci offrono con quella caduta
E' certo, però, che solo rialzandoci e riprovando avremo la possibilità di comprendere. L’abbiamo imparato da piccoli, un passo dopo l’altro… prima incerti e traballanti… poi sempre più sicuri… dopo ogni caduta…


Mi viene in mente un’immagine, forse di un sogno. 
Una bambina è davanti a me… sta piovendo e lei tenta di ripararsi dalla pioggia stando rannicchiata in posizione fetale…
Mi avvicino a lei e l’aiuto a rialzasi… è infreddolita e spaventata. 
Ci mettiamo in ascolto e sentiamo il ritmo della pioggia…
E cominciamo a saltellare seguendo la musica, per riscaldarci… 
Fuori continua a piovere, ma i nostri cuori ora sono caldi… 
Quella bambina ero io… e le ho promesso che non l’avrei mai lasciata da sola… 
Che avremo sempre danzato insieme… anche sotto la pioggia.



Nessun commento: