lunedì 8 dicembre 2014

Donne di lattuga

di Emma Salvati

Le belle arti sono spesso nei nostri piatti: presentare il cibo con arte fa parte delle abilità di ogni chef che si rispetti.  
Un pomodorino che si trasforma in rosa, un paio di carotine intagliate ed ecco che anche l’occhio ha la sua parte. 
In realtà, niente di nuovo sotto il sole: l’arte di intagliare frutta e verdura nasce alla fine del 1300 in Tailandia e ci regala veri e propri capolavori di cesello. 
Che al contrario del pomodorino e delle carotine difficilmente verranno mai mangiati. 
La bellezza di queste opere effimere è visibile a tutti, nonostante la loro deperibilità, grazie alla fotografia ed alla rete. 
Ma il fatto che il cibo possa poi essere buttato un po’ ci turba...

In questo panorama multiforme e colorato, troveremo di tutto un po’: dalle piccole opere divertenti ed ironiche, come le sculture di Dan Cretu alle riproduzioni di capolavori europei, rivisitati in versione vegetale dalla cinese Ju Duoqi.


E proprio le opere di quest’artista cinese sono particolarmente interessanti. 
Nate per caso e per gioco, nella cucina di casa sua nel 2006, sono realizzate usando gli ingredienti tipici della cucina cinese dal tofu allo zenzero, dalle radici di loto al cavolo. 

Più che riproduzioni, le sue sono reinterpretazioni colte ed ironiche; così “La Libertà che guida il popolo di Delacroix” diventa “La Libertà che guida le verdure”… “La zattera della Medusa” di Géricault si trasforma ne “La zattera delle radici di loto”...“Il bacio” di Klimt inIl bacio dei ravanelli”.
Ancora più interessanti sono le sue donne di lattuga, realizzate senza più usare modelli. 
Incredibile la sensualità del verzo e la lattuga, vedere per credere.


E poi compie l’atto perfetto: dopo aver fotograto il tutto, mangia le sue opere, restituendo al cibo il suo significato primario. 

Perchè il cibo è sacro e non va sacrificato nemmeno sull’altare dell’Arte. 

Brava, Ju Duoqi !

Per chi volesse approfondire quanto fin qui raccontato, nella pagina Cibo per l'anima di questo blog, troverete altri links di approfondimento… 

Nessun commento: